fbpx

Scenografie verdi: come utilizzare le piante come elemento di interior design

scenografie verdi

Le piante offrono un’insospettabile opportunità: quella di creare delle scenografie verdi meravigliose. Specie quando non si ha un ampio terreno a disposizione o quando, per ragioni di comodità e di tempo, non si vuole optare per la presenza di terra, è possibile prediligere composizioni dall’effetto spettacolare senza utilizzare il suolo.

Creare una composizione di vasi e piante gradevoli diventa così molto semplice.

Basta scegliere le giuste proporzioni, con armonia e gusto, proprio come in cucina.

Quali piante preferire per creare le scenografie verdi

Al fine di dar vita a spettacolari scenografie verdi si può lavorare con: specie perenni, piante grasse e piante della salute, quelle cioè che regalano benessere in quanto filtrano l’aria da tutti gli elementi chimici e dalle particelle di smog dannose per la nostra salute, presenti anche nei nostri ambienti interni in proporzioni che neppure immaginiamo.

Il consiglio è quello di inserire tra l’una e l’atra pianta verde qualcuna dalle sfumature di colore differente, il rosso o l’arancio ad esempio, in modo da ottenere un aspetto cangiante e stimolante durante tutto l’anno.

Spettacolari scenografie verdi si ottengono avvalendosi di piccole piantine di Aloe Vera che costellino qua e là una scenografia fatta da piante pendenti, che accarezzano i mobili, proprio come fanno in natura i rami di Edera che ricadono su muri ed alberi all’esterno.

Su quali accessori puntare?

Al fine di creare delle bellissime scenografie verdi sarà possibile puntare anche su accessori che creino l’effetto di interior design preferito.

Un vaso dalle forme squadrate potrà fungere da fondale di una bella composizione idroponica, permettendoci di abbinare tra loro più tipologie di piante, scegliendo tra specie e forme differenti, con tutta la libertà di inserire anche delle piante con spruzzi di colore naturali o artefatti a mano.

Questa idea si abbina bene ad uno stile moderno dalle forme delicate e dai colori tenui, mentre per gli ambienti più classici è possibile, ad esempio, creare delle vere e proprie cornici di piante, o riempire – ecco un’altra idea davvero insolita – i cassetti dei mobili, o le ante di un vecchio armadio ormai in disuso.

L’utilizzo degli accessori dipende quindi sostanzialmente dall’effetto che vogliamo ottenere con le scenografie verdi. Per un carattere enfatizzante sarà possibile ricorrere alla Yulla e al Clorofitus.

Chi preferisce l’effetto ricadente dal tocco che sa di moderno ed incontrollato potrà orientare la sua scelta su Ficus Benjamina ed Edera.

Chi ama l’effetto riempiente, corposo e ben strutturato, dovrebbe preferire l’Aloe Vera e le Cactacee.

Nessuno esclude che possano essere utilizzate tutte insieme queste piante, magari creando una parete verde, in questo caso assecondando lo stile idroponico.

Allora, riciclare diventa arte, basta solo un pizzico di fantasia e un po’ di amore per un effetto sorpresa da lasciare a bocca aperta.